Trasporto scolastico: aggiornamento sul servizio per il nuovo anno

Finalmente sul fronte del trasporto scolastico un’iniziativa coraggiosa e decisa. Bravi.

Sant'Olcese Inform@

Si è tenuta nei giorni scorsi una riunione preliminare tra Sindaco, funzionario responsabile ed utenti del servizio scuolabus. Di seguito alcune informazioni.

La nuova azienda, la BB services S.r.l. rileva l’appalto della precedente azienda fornitrice del servizio. Il servizio di trasporto dei nostri studenti partirà con uno scuolabus nuovo, più altri due mezzi di proprietà del Comune, già in servizio lo scorso anno.

I maggiori costi dovuti all’utilizzo del nuovo mezzo saranno interamente coperti dal Comune per l’anno scolastico 2019/20. Le tariffe saranno dunque per ora invariate.

Dal gennaio del 2019 si predisporrà una nuova gara per l’assegnazione del servizio a partire dall’anno scolastico 2020/21, con mezzi forniti completamente dall’azienda che risulterà vincitrice.

Ancora da quantificare sarà l’aumento delle tariffe a partire dalla nuova aggiudicazione: un dato molto complesso da definire in questo momento, che dipenderà dagli esiti economici della gara, dai vincoli finanziari di bilancio e dalla rimodulazione dei…

View original post 63 altre parole

Annunci

Contributo scolastico: facciamo chiarezza

Anche quest’anno i genitori degli studenti che frequentano le scuole elementari e medie dell’Istituto Comprensivo di Serra Riccò e Sant’Olcese sono tenuti a versare un contributo obbligatorio di 10 euro per il Diario scolastico (3,50 €) e per l’assicurazione (6,50 €).

I genitori dei bambini che frequentano la scuola dell’infanzia dovranno versare solo i 6,50 € dell’assicurazione.

Chi vuole può versare un contributo volontario che verrà utilizzato per la cancelleria e l’acquisto di altri beni utili al funzionamento della scuola. L’istituto ha stimato che un contributo volontario ottimale ammonterebbe a 13,00 €. Nessuno vi obbliga a versare di più, nessuno vi impedisce di versare di meno.

I soldi del contributo volontario sono spesso indipensabili per il supporto ad attività curriculari ed extra curriculari i cui beneficiari principali sono i nostri figli.

Il pagamento può essere effettuato con versamento sul c/c postale 23586167 oppure con bonifico bancario sull’IBAN IT23S0760103200001035184611, entrambi intestati a Istituto Comprensivo di Serra Riccò, specificando nella causale: nome dell’alunno, classe e scuola di appartenenza.

Fine della comunicazione istituzionale.

Una considerazione strettamente personale mi consentirà di rendere meno sterile questo post che fino qui è stato meramente informativo.

In questi anni in cui mi sono confrontato con i tanti problemi della scuola, ho visto genitori che hanno cercato ogni genere di scusa non pagare il contributo volontario all’istituto costringendo le maestre ed i rappresentanti di classe a fare i salti mortali per riuscire comunque a portare a termine almeno le iniziative più importanti.

Gli stessi genitori, spesso proprio gli stessi, alla fine dell’anno scolastico erano tra i promotori di quella pratica provinciale ed assurda che è la raccolta per il regalo di classe alle maestre, proprio le stesse maestre che non versando il contributo volontario hanno messo in difficoltà. Forse è il caso di riflettere.

Claudio Di Tursi

“Confesso che ho bevuto”: una piece teatrale d’eccezione a Manesseno!

Venerdì 7 settembre, alle 20,30, negli spazi della chiesa nuova di Manesseno avrà luogo una divertentissima rappresentazione teatrale. La compagnia teatrale La Pozzanghera mette in scena “confesso che ho bevuto ” Canzoni e racconti diVini, regia di Lidia Giannuzzi.

La cantina Archinà, che quest’anno festeggia cinquant’anni di attività, offrirà al pubblico e agli attori il Vino indiscusso protagonista dello spettacolo.

L’ingresso è libero ed in caso di pioggia l’evento si terrà al coperto.

Cliccate qui per vedere l’evento su Facebook, e condividete con i vostri amici questa splendida iniziativa.

Pasta finché Basta

Questi ragazzi ci mettono il cuore.

In tutto quello che fanno, e di cose, negli ultimi tempi, ne hanno fatte davvero parecchie.

Gli Educatori Acr di Sant’olcese, oltre a gestire l’ Acr di routine (quindi sabati, campi, feste e quant’altro) stanno diventando una presenza sempre più di riferimento per i bambini che si aggirano per la parrocchia di Sant’olcese e dintorni. Sempre presenti, sempre con il sorriso, sempre con la voglia di ridere e scherzare, sempre pronti ad andare incontro ai loro bambini con le braccia aperte. Anche quando stanno servendo più di un centinaio di persone a un evento che si è rinnovato ieri sera per la seconda volta : “Pasta finché Basta”, una serata di autofinanziamento ma che quest’anno prevede che una parte del ricavato vada anche in beneficenza. E infatti, mentre gli Edu preparavano e servivano cinque diversi tipi di pasta a rotazione, fino davvero a scoppiare, li ho visti anche intrattenersi con i bimbi, coinvolgerli nella serata, insomma, edu fino in fondo! Come se non bastasse, dopo l’ennesimo pentolone di pasta, si sono scatenati a intrattenere i giovani con balli di gruppo. È stato bello vedere così tanti ragazzi a una serata santolcesina, è stato bello vedere un gruppo così affiatato e volenteroso ed è stato bello vedere tanti ex educatori, genitori e ragazzi che hanno frequentato la parrocchia in passato partecipare e dare una mano. Insomma, una splendida serata. E questo, va detto, perché davvero loro ci mettono il cuore.

PRESCUOLA: novità dall’Istituto Comprensivo di Serra Ricco e Sant’Olcese

Buone notizie per l’IC Serra Riccò. Dopo un iniziale tentennamento davanti alla richiesta di attivare un servizio di pre-scuola per venire incontro alle famiglie che devono raggiungere luoghi di lavoro distanti, spostamento che è sicuramente più complesso dopo la tragedia del Ponte Morandi, ieri pomeriggio una conferenza di servizio indetta per i dirigenti delle scuole genovesi ha informato che il Miur ha stanziato dei fondi per agevolare non solo le famiglie degli alunni direttamente coinvolti nella vicenda del Ponte Morandi, ma l’utenza in generale che si trova in situazione di difficoltà. Si apre così uno spiraglio per il servizio di pre-scuola. Non sappiamo ancora quali plessi e quali ordini interesserà, dipenderà probabilmente dalle richieste delle famiglie. Giovedì 30 agosto un incontro in comune con il sindaco Armando Sanna, alle ore 16, aperta a tutti gli interessati, è servita a fare il punto della situazione. In sede di colloquio è emersa la perplessità sull’orario del servizio. 30 minuti potrebbero non essere sufficienti per garantire ad i  genitori di raggiungere il luogo di lavoro e quindi è stato chiesto di ragionare su un’ora di pre scuola. Durante la prossima settimana, preside e sindaco si incontreranno per definire le modalità con cui il servizio verrà erogato. Ad oggi è certo che il servizio verrà gestito dal Dirigente Scolastico che procederà anche a stilare un regolamento di accesso per rendere il tutto trasparente.

A cura di Chiara Ferraris ed Elena Viola