Stasera il Concerto di fine anno a Manesseno

20121230-115113.jpg

Domenica 30 dicembre alle ore 20,30, Presso la CHIESA NUOVA di MANESSENO si terrà il Concerto di Natale 2012.
Il CORO MONTEVERDI, insieme ai RAGAZZI della V ELEMENTARE ed al CORO SAN MARTINO, si esibiranno in un concerto benefico a favore dell’Associazione PROGETTO SILVIA per l’assistenza e la cura delle persone cerebrolese, a cui sarà interamente devoluto il ricavato della serata, in ricordo di ETTORE DURANTE primo promotore dell’iniziativa.

Un Assessore…molto particolare

Armando Sanna, atleta e Consigliere con delega allo sport

Armando Sanna, atleta e Consigliere con delega allo sport

Su questo blog spesso trovate critiche e satira verso chi ci governa per situazioni che riteniamo mal gestite o trascurate. Allo stesso modo mettiamo in risalto chi compie azioni utili al nostro territorio o ai cittadini di S.Olcese.

Questa volta voglio spendere 2 parole per una persona che è con me in Consiglio Comunale, che siede “dalla parte opposta” dello schieramento ma col quale ho sempre avuto un ottimo rapporto.

Perchè l’ho definito un “Assessore particolare”? Per diverse ragioni, la prima delle quali è che lui, Armando Sanna, un Assessore vero e proprio non lo è ma  è Consigliere con solo la delega allo sport; una ragione per definirlo Assessore è che lui si comporta come tale, affronta i problemi proposti senza fuggire o rimandare, mantiene i contatti e aggiorna sui progressi fatti e si scusa quando nulla o poco si è potuto fare; una ragione per definirlo “particolare” è che a differenza degli altri assessori, lui NON HA ALCUN COMPENSO ECONOMICO, quindi oltre a non costare nulla al Comune, tutto quello che fa e organizza viene effettuato a costo zero. A titolo esemplificativo, manifestazioni sportive a parte, cito solo una situazione che, grazie al suo contributo e a quello  del personale comunale coinvolto, è stata almeno provvisoriamente risolta. Mi riferisco al problema dell’acqua calda delle docce al Palazzetto dello Sport di Manesseno. In attesa che venga effettuata la ristrutturazione della struttura, affidata provvisoriamente alla Società Paladonbosco, qualcosa si doveva fare per rimediare al fatto che dai primi giorni di novembre non arrivava più acqua calda alle docce degli spogliatoi. Il disagio, soprattutto per gli utenti di sport di squadra era tale da sentire minacce di abbandono della struttura da parte di atleti o addirittura di società affittuarie del palazzetto. Per farla breve entro pochi giorni da quando ho coinvolto personalmente Armando nel cercare una soluzione al riscaldamento dell’acqua sanitaria il problema è stato risolto, occorre sempre un po’ di tempo perchè l’acqua calda arrivi ma l’acqua calda ora c’è. Per questo voglio pubblicamente ringraziare Armando estendendo il ringraziamento a chi ha contribuito alla risoluzione del problema.

Giorgio B.

Botti di Capodanno: i consigli degli Artificieri della Polizia di Stato in un video

20121229-174121.jpg

Dal sito ufficiale della Polizia di Stato:
Ci siamo! È arrivato il Natale, ci apprestiamo a festeggiare il nuovo anno e molti di noi lo faranno accendendo fuochi d’artificio. Abitudine spettacolare ma che spesso trasforma in tragedia momenti che dovrebbero essere ricordati per tutt’altro.
Le statistiche ci dicono che la maggior parte degli incidenti provocati da fuochi artificiali dipende da un loro uso scorretto, ma soprattutto dall’acquisto di prodotti artigianali non controllati. A tal proposito è opportuno sottolineare che la vendita illegale e l’acquisto improprio di tali prodotti prevedono una denuncia penale.
Ma quali sono le regole che dobbiamo seguire per divertirci in sicurezza? Quali prodotti possiamo acquistare? Dove possiamo acquistarli? Come utilizzarli?
A queste domande risponde l’ispettore Giuliano Tosatti, dell’Ufficio armi ed esplosivi della questura di Roma, in un video realizzato dalla Polizia di Stato proprio per ricordare a tutti quali sono le cautele da adottare sin dal momento in cui decidiamo di acquistare tali prodotti.
Nel video l’esperto della questura riassume anche i recenti cambiamenti della normativa con la relativa classificazione delle materie esplodenti.
Una delle novità sta nel fatto che ora tutti gli articoli pirotecnici destinati ai fini di svago devono essere progettati e fabbricati in modo tale da assicurare il massimo livello di sicurezza e affidabilità. Al fine di accertare se rispondono ai criteri di sicurezza, tutti i prodotti pirotecnici prima di essere immessi sul mercato sono sottoposti a test e prove da parte di appositi organismi accertatori.
L’età minima per acquistare i fuochi d’artificio più semplici, quelli con un basso potenziale di rischio e che si possono utilizzare anche nelle abitazioni, è di 14 anni, mentre per tutti gli altri bisogna essere almeno maggiorenni.
Il primo importante consiglio per l’acquisto di prodotti sicuri e affidabili, è quello di rivolgersi unicamente ad esercenti in possesso delle previste autorizzazioni che consentono la vendita degli articoli pirotecnici.
Solo da questi, infatti, siamo sicuri di trovare prodotti che riportano la prevista marcatura CE o sono stati riconosciti e classificati dal nostro ministero dell’Interno e, quindi, sono stati preventivamente sottoposti a tutte le valutazioni di conformità.
I prodotti che presentano un basso rischio potenziale possono essere acquistati anche presso tabaccherie, cartolerie, supermercati e simili, mentre quelli che presentano un rischio medio e alto devono essere acquistati solo negli esercizi specializzati in fuochi artificiali.
Bisogna evitare nel modo più assoluto di acquistare prodotti che siano costruiti in modo artigianale o venduti illegalmente e che non riportino le etichette con indicazioni del produttore, riferimenti ministeriali e istruzioni per l’uso. L’etichetta è sinonimo di prodotti sicuri.
Quando decidiamo di utilizzare i prodotti pirotecnici, teniamo sempre presenti alcune semplici regole di sicurezza: accertiamoci di avere spazio sufficienza, non solo intorno a noi ma anche in altezza, appoggiamo il prodotto sempre su superfici piane e, all’occorrenza, assicuriamoci che non possa ribaltarsi di lato (nel caso è utile utilizzare due mattoni da porre ai lati dell’artificio in modo da bloccarlo), allontaniamoci velocemente dopo aver acceso la miccia di sicurezza ma, soprattutto non raccogliere mai o tentare di riaccendere un artificio che non ha funzionato: è la cosa più pericolosa in assoluto che possiamo fare.

Una firma per la democrazia

20121228-170632.jpg

“Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere.”
Voltaire

Firmare perché il Movimento 5 Stelle possa presentarsi alle prossime elezioni non significa essere “grillini”, è semplicemente un gesto di amore verso la Democrazia nel rispetto della Costituzione del nostro Paese.

Appuntamento per Sabato 29 dicembre dalle ore 8,30 a Manesseno, davanti alla scuola Matteotti.

Claudio Di Tursi

Anche Il Comitato certificherà le firme per la presentazione del Movimento 5 Stelle alle prossime elezioni

20121227-212854.jpg

L’articolo 49 della costituzione recita: “Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”.
Il Movimento 5 Stelle, con una lettera indirizzata a tutti i Gruppi Consiliari del nostro comune, ha chiesto che i consiglieri in carica diano la propria disponibilità come certificatori per la raccolta firme necessarie alla presentazione delle liste del Movimento 5 Stelle alle prossime consultazioni politiche del 2013.
Il Comitato Indipendente per Sant’Olcese ha dichiarato la propria disponibilità.

Claudio Di Tursi
Portavoce del Comitato Indipendente per Sant’Olcese

Giovedì 27 dicembre seconda serata ANSPI: il trionfo dell’incoscienza!

20121226-112956.jpg

Cos’è il 27 dicembre se non uno di quei giorni inutili che ti separa dal capodanno?
Ed allora, invece di stare in casa a controllare la pendenza del divano mentre ti fai l’ennesima lampada di TV, alza il culo e vieni alla seconda serata targata Circolo ANSPI di Manesseno! Torneo di FIFA 13 su maxi schermo, torneo di Ping Pong e calcio Balilla!
Musica a palla offerta dall’Associazione Otorini Italiani in collaborazione con l’Amplifon!

Siete precettati giovedì 27 dicembre dalle ore 21.
Guarda l’evento su Facebook.

Che Natale sia una festa anche per l’ambiente.

20121225-140439.jpg

Non c’è scena più bella del vedere i nostri figli, i nostri nipoti, insomma i nostri bambini scartare i regali di Natale. I sorrisi e la felicità di quei momenti ci ripagano dei tanti sacrifici che facciamo per loro in un attimo.
Accade però che la generosità nostra, dei nostri parenti e dei nostri amici abbia un prezzo esoso in termini di sostenibilità ambientale.
Gli imballaggi dei regali nostri e dei nostri bambini, nei giorni immediatamente successivi alle feste, fanno esplodere i cassonetti dell’immondizia ed il camion che li porterà via li leverà dalla nostra vista ma non dalla nostra coscienza (ecologica).
Che fare?
Innanzitutto la carta con cui sono fasciati i regali, spesso bellissima, che si sa Babbo Natale non bada a spese, se non è andata completamente distrutta dal piccolo Attila alla conquista del dono, può essere riutilizzata: andrà benissimo per confezionare un nuovo regalo o per foderare l’interno di un cassetto. Anche i nastri possono essere riusati: mia moglie li conserva in un contenitore ed a volte, unendone di diversi a formare il fiocco, ottiene risultati sorprendenti.
Le scatole, poi, sono sempre utili: personalmente ne tengo sempre una nel bagagliaio della macchina così la spesa non se ne va da tutte le parti. Due o tre di scorta, smontate, le tengo nel Box: occupano poco spazio ed alla bisogna assumono la loro forma originaria in un attimo.
Giochiamo con i nostri bambini a separare e compattare quello che andrà nei bidoni della differenziata e se vediamo che sono già pieni teniamoci cartone, plastica e vetro in casa o sul balcone ancora per qualche giorno.
Se piove o minaccia maltempo cerchiamo di non gettare i nostri rifiuti in un contenitore scoperto: al danno ambientale si sommerebbe quello economico dato che per il conferimento in discarica si paga a peso.

Un Natale civile è ancora più buono.

Claudio Di Tursi