Il Consiglio Comunale visto dai banchi del Comitato 1/3

silviaA cura di Silvia Bevegni*
Sabato 29 Novembre si è svolta la seduta di un Consiglio comunale particolarmente significativo dal punto di vista degli argomenti trattati e delle delibere adottate.
Accenniamo soltanto ai punti all’ordine del giorno che prevedevano l’esame di delibere di giunta relative:
– alla modifica di un articolo del regolamento di Polizia Mortuaria per venire incontro alle richieste di alcuni cittadini, che ad oggi non hanno accesso all’area dove riposano i resti dei propri cari defunti;

– al rinnovo dei progetti di inclusione sociale destinati a persone disabili;

– al rinnovo delle convenzioni tra i Comuni di Sant’Olcese e Serra Riccò inerenti i servizi di asilo nido e scuola dell’infanzia con il Comune di Serra Riccò.

Sin qui, a parte alcuni dubbi non chiariti sul primo punto, su cui si è ritenuto di doversi astenere, i consiglieri del Comitato hanno espresso voto favorevole.

I nostri rappresentanti in consiglio si sono invece astenuti sull’ordine del giorno relativo a “riconoscimento di legittimità debiti fuori bilancio e provvedimento di ripiano” per lavori pubblici di somma urgenza a seguito degli eventi alluvionali di Ottobre 2014.

Chiariamo, al fine di evitare fraintendimenti, che in dichiarazione di voto si è preso positivamente atto dell’arrivo di fondi regionali sul territorio. Ciò che continua a lasciarci perplessi è l’andamento generale che vige nel settore, per cui di fatto si obbligano i Comuni, alle prese con i vincoli di bilancio, a far ricadere tra le somme urgenze opere ed interventi che in realtà non sono correlati ad eventi emergenziali come un’alluvione, ma dovrebbero essere gestiti diversamente. Tanto più che nel caso concreto solo una parte di opere, quelle davvero di somma urgenza, è già finanziata dalla Regione (con 290.000,00 € su un totale di 422.000,00 €, per cui dovrà sopperire il Comune), magari sottraendo risorse a Comuni più danneggiati, mentre per altre si spera nell’allentamento dei vincoli imposti dal patto di stabilità e si è costretti, altresì, ad accendere un mutuo nel dubbio che possa non essere a tasso zero (per coprire altre somme urgenze che partiranno a breve per un ammontare di 800.000,00 €).

Un altro punto all’ordine del giorno ha riguardato “assestamento bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2014 e variazione di bilancio”. La Giunta ha inserito in delibera di “assestamento di bilancio” la somma di 1 milione e 800.000,00 € per far fronte a “sistemazioni definitive” (quindi non somme urgenze) di cui alle schede di segnalazione inoltrate in Regione a partire dall’anno 2009.

L’importo è notevole, punto interrogativo su come verrà coperto.

Oltre a ciò ci sono stati comunicati da un lato un minor gettito da IMU e dall’altro un maggiore introito da vendita loculi, per cui la Giunta ha deciso l’acquisto di una pala per sgombero neve, di un gruppo di continuità per la vecchia casa comunale e di tre indicatori luminosi di velocità da installare nei punti stradali più critici da individuare.

Inoltre siamo stati informati della decisione di spostare 80.000,00 di fondi che erano destinati alla nuova copertura del palazzetto dello sport, che non è conveniente realizzare nella stagione invernale e verrà rinviata, verso altri capitoli di spesa, e precisamente: – la realizzazione e/o manutenzione di guard rail e ringhiere a Manesseno (50.000,00 €); – la manutenzione straordinaria e/o sostituzione di pali dell’illuminazione pubblica laddove non si è ancora provveduto (30.000,00 €).

E qui non possiamo tacere quanto ci è stato risposto dal Sindaco in persona a seguito della nostra inevitabile obiezione: non è forse meglio installare un po’ meno pali e sostituire almeno parte delle lampade con quelle a LED? Grande nostra soddisfazione nel sentire che sarebbe idea dell’attuale Giunta, dall’anno 2015, di provvedere finalmente ad incaricare una ditta apposita per la fornitura e sostituzione delle lampadine, a LED ovviamente!

Come andiamo dicendo da almeno un anno e mezzo, la convenienza sarebbe certa, potendosi ammortizzare in pochi anni, con i consumi ridottissimi, i costi necessari, attualmente molto elevati (circa 200.000,00 € l’anno) e senza risparmio energetico.

Il Sindaco ha accennato al MEPA ed ai vincoli imposti da CONSIP per acquisti e spese, e anche qui l’argomento ci è molto familiare, avendolo noi per primi portato all’attenzione dei cittadini già prima delle elezioni.

L’idea dell’Amministrazione è di provvedere, con i fondi recuperati, a sostituire o almeno rendere sicuri i pali dell’illuminazione ancora problematici, così da poter presentare ed affidare all’impresa con cui si stipulerà la convenzione una situazione decente. Si provvederà poi, in base a quanto comunicatoci, ad iniziare dalla frazione di Manesseno le sostituzioni con lampade a LED.

Vi è stata poi l’approvazione, all’unanimità, di ben due mozioni presentate dal Comitato Indipendente.

Ci teniamo a sottolinearlo, non solo a dimostrazione del fatto che la nostra attività in Consiglio comunale è sempre tesa a contribuire a migliorare la vita dei nostri concittadini, ma anche perché vogliamo dare atto che la formazione di “governo” emersa dalle elezioni di maggio 2014 si sta dimostrando disposta a recepire alcuni nostri “input”.

Sorvoliamo perciò sulla mancata precisazione, in sedi diverse da questo blog, su quale sia stata la fonte delle mozioni approvate all’unanimità…

  • Si tratta, in primo luogo, dell’impegno del Comune di Sant’Olcese ad aderire al “Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo” , elaborato da alcune associazioni che svolgono anche attività formative per gli amministratori locali (la “Scuola delle buone pratiche” di Milano, cui possono partecipare tutti i Sindaci).
    Sappiamo che in questo settore i poteri decisionali e autorizzativi non competono ai sindaci, bensì ad istituzioni sovraordinate come ad esempio le prefetture, tuttavia crediamo che una presa di posizione dei piccoli Comuni anche a livello formativo possa essere utile. A tale riguardo il Consigliere (con delega alla terza età) Picco ha reso noto che uno dei prossimi incontri da lui organizzati verterà proprio sulla piaga sociale del gioco d’azzardo (21 marzo a Torrazza).
  • La seconda mozione approvata su proposta del nostro gruppo consiliare è relativa all’adozione di un piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche in alcuni edifici pubblici . Si pensi ad esempio alla nuova casa comunale, stranamente priva di ascensore, o ai cimiteri che sono completamente inaccessibili a persone con disabilità fisiche, o ai marciapiedi di Manesseno.
    Poiché non ci sono, né al momento né nel prossimo futuro, previsioni di svolgimento delle opere necessarie (per l’ascensore sono stati chiesti i fondi alla Regione e si è in attesa), la mozione è stata modificata nel senso di impegnare la Giunta a finanziare, probabilmente contestualmente alla predisposizione del nuovo PUC, uno studio di fattibilità. Abbiamo chiesto ed ottenuto che lo studio suddivida i possibili interventi in piccoli lotti, meglio affrontabili dal punto di vista economico.

(segue).

*Silvia Bevegni, avvocato, fa parte del Coordinamento del Comitato Indipendente per Sant’Olcese.

ERRATA CORRIGE:

Nel post inerente i lavori del Consiglio Comunale del giorno 29 novembre 2014 siamo incorsi in un errore di trascrizione del pronunciamento dei voti di noi Consiglieri circa i punti all’ordine del giorno inerenti il bilanci.

Le posizioni espresse dal Comitato sono le seguenti:

Voto a favore sull’ordine del giorno relativo a “riconoscimento di legittimità debiti fuori bilancio e provvedimento di ripiano” per lavori pubblici di somma urgenza a seguito degli eventi alluvionali di Ottobre 2014.

Astensione su un altro punto relativo all’assestamento bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2014 e variazione di bilancio”, nel quale La Giunta ha ritenuto di inserire la somma di 1.800.000,00 € per far fronte a “sistemazioni definitive” (quindi non somme urgenze) di cui alle schede di segnalazione inoltrate in Regione a partire dall’anno 2009.

Abbiamo votato a favore della pratica di cui al primo punto accogliendo l’invito dell’Assessore Trucco ad anteporre il bene di Sant’Olcese alle personali posizioni sulla politica di gestione finanziaria portata avanti dall’Amministrazione. Abbiamo reso però una dichiarazione fortemente critica circa la gestione e l’elargizione dei finanziamenti cosiddetti “in somma urgenza” da parte della Regione e degli enti sovraordinati in genere. Questo, unitamente al fatto che le pratiche sono state trattate in sede di Consiglio secondo un ordine diverso rispetto a quello dichiarato all’ OdG originariamente allegato alla lettera di convocazione, ha contribuito a generare confusione, cosa che sta alla base dell’errore di trasposizione.
Ci scusiamo con voi lettori per il disguido e ci scusiamo con Silvia Bevegni, autrice del post, che spero voglia concederci le attenuanti del caso… Avvocato, sia clemente!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...