Bar mette al bando le slot: al loro posto una libreria

2015/01/img_0591.jpg
Dal sito del giornale “Il Tirreno” riportiamo integralmente questo articolo che ci racconta di uno stato biscazziere e di una ragazza coraggiosa.

Grazie ad Angelo Spanò per averci segnalato questa bella storia.

VIAREGGIO. Quell’angolo buio all’interno del suo bar proprio non le piaceva più. E così Azzurra Cerri, titolare del “Why Not? Cafè” (lato mare di via Aurelia Nord, di fronte all’Esselunga) ha detto basta. Una mini-libreria al posto delle slot machine. Quando pochi giorni fa gli addetti della Sisal hanno portato via le macchinette, la ragazza ha tirato un sospiro di sollievo. Il lieto fine di una storia che si trascinava da oltre due anni, dal momento in cui Azzurra chiuse un accordo con la Sisal per piazzare due slot machine dentro il suo bar. Salvo poi pentirsi dopo poco tempo. Non sapeva che disfarsi di quelle macchinette non sarebbe stato facile come bere un bicchiere d’acqua.

“Quando mi rivolsi al concessionario – racconta Azzurra – mi fu spiegato chiaramente che se avessi chiesto la rimozione delle slot in anticipo rispetto alla scadenza del contratto, avrei dovuto pagare una penale di mille euro per ogni anno che mancava al termine naturale del rapporto (gli accordi vengono stipulati su base quinquennale)”. La ragazza non aveva assolutamente intenzione di sborsare quella cifra, ma pure gli enti preposti a cui si era rivolta per porre fine al suo calvario, non le avevano prospettato altra via d’uscita. E allora, la scorsa estate, ha spento le macchinette. A quel punto, poche settimane fa, è stata la Sisal a contattarla, “perché era stato riscontrato che negli ultimi mesi le slot non avevano generato traffico e di conseguenza incassi”. E’ a questo punto che Azzurra intravede uno spiraglio: “Mi dissero che se avessi continuato a tenere inattive le slot sarebbero stati costretti a portarle via”. Proprio questo voleva la ragazza. Dopo svariati tentativi, sino a quel momento tutti falliti, aveva raggiunto il suo scopo.

La coraggiosa iniziativa di una giovane imprenditrice di Viareggio che ha messo al bando le macchinette da gioco (video Valentina Landucci)
Adesso, l’occhio dei clienti cade inevitabilmente su quell’angolo luminoso, con un tavolo e sopra di esso una candela, qualche sedia ed uno scaffale con i libri. Tanti libri. Che chiunque desidera potrà leggersi comodamente bevendo un caffè o mangiando un panino o una brioche. Questa la cronologia degli eventi. Secca. Fredda. Ma sono le motivazioni che hanno un peso specifico rilevante in tutta questa vicenda. Quelle di una giovane imprenditrice che si è messa in gioco e che proprio, per colpa del gioco, aveva perso la pazienza. Stufa di assistere impotente, di fatto, a quel flusso continuo di persone attirate come calamite dalle slot machine dentro il suo bar. “Diversi anni fa erano remunerative (prima della Sisal aveva stipulato un accordo con un gestore viareggino, ndr), poi sono cominciati i problemi. Col passare del tempo era diventata una rimessa. Entrava gente poco raccomandabile, si piazzava davanti alle macchinette e spesso capitava che qualcuno mi chiedesse soldi in prestito per giocare, magari poi senza saldare il debito. Una situazione insostenibile”. Anche perché il “Why Not? Cafè” è stato preso di mira (più di una volta) dai ladri, che infrangendo i vetri e forzando la porta laterale, avevano tentato di portare via soldi. “Ora che mi sono liberata delle slot, sono felice. Il bar è di nuovo tranquillo, così come i clienti che lo frequentano (principalmente i dipendenti dell’Esselunga, ndr). L’idea di creare un angolo dedicato alla lettura l’avevo in mente da tanto tempo. Finalmente sono riuscita a realizzare il mio piccolo desiderio”.

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Bar mette al bando le slot: al loro posto una libreria

  1. Splendida iniziativa, spero ne seguano molte altre.
    Comunque, anche a Manesseno, abbiamo un Bar che ha messo al bando le slot. Ne aveva solo una ma ha preso la decisione di toglierla, quando gli altri Bar ne incrementano il numero. Il locale in questione è il Bar Marco (in via Gramsci, 169 Sant’Olcese GE)
    , non ha messo una libreria ma ha fatto un grande passo di civiltà nei confronti dei suoi avventori.
    Grande Marco.

  2. Pingback: Il Bar Marco diventa Slot Free! | lapelledellorso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...