A Sant’Olcese il Tgr non ha fatto un bel servizio 

  
In redazione, al Tgr Liguria, si sono inventati che il giovedì il telegiornale diventa itinerante con collegamenti da un paese di volta in volta diverso della nostra regione. Potrebbe essere una buona idea, l’occasione per far conoscere le eccellenze della nostra terra e mandare un segnale ai politici che la amministrano accendendo i riflettori su problemi specifici di una determinata comunità. Potrebbe. L’altro ieri è toccato a Sant’Olcese, Immancabile il collegamento da Villa Serra. Sullo spiazzo davanti alla villa si sono alternati gli amministratori del parco, che si sa un po’ di auto promozione non si nega a nessuno. 

Si è parlato del passato di Villa Serra, del presente di Villa Serra, del futuro di Villa Serra, del premio ottenuto recentemente da Villa Serra. Anche il nostro Sindaco e quello di Serra Riccò hanno parlato, a richiesta, sia chiaro, di Villa Serra. Magari avrebbero voluto dire anche altro, chi lo sa.

Come da copione è stato predisposto anche uno spazio gastronomico: in entrambi i collegamenti, quello delle 14,00 e quello delle 19,30,  è stato interamente occupato da Luca Tassistro della trattoria Arvigo di Cremeno. Un ottimo ristorante quello di Luca, piatti prelibati nei quali la tradizione ligure viene espressa al meglio grazie alla scelta di ingredienti di primissima qualità, con una carta dei vini notevole specialmente per quanto riguarda i produttori liguri e del basso Piemonte. Ma la Trattoria Arvigo, oltre a non avere bisogno di pubblicità, paga le tasse al comune di Genova. Non ce n’erano trattorie a Sant’Olcese? Appena fuori dalla villa c’è la trattoria “Dalle due Zie“, cucinano anche loro benissimo, provare per credere. A Casanova c’è Il Raffe, fa dei ravioli ottimi, certo c’è da uscire fuori da Villa Serra, ma ne vale la pena.

Non una parola sui lavori di via Poirè, avrebbe fatto bene ai commercianti se si fosse parlato di quest’opera importantissima; non una parola sul Trenino di Casella, aggredito da ATP che vuole tenerlo fermo per farsi affidare l’appalto dei bus sostitutivi.

Il collegamento da Sant’Olcese è solo l’ultimo esempio di un’attività che sarebbe inappropriato definire giornalismo.

Non mi piace la maniera con cui viene confezionato il telegiornale regionale. Trovo che le notizie, quelle vere, abbiano pochissimo spazio e che ne venga lasciato troppo alla promozione turistica del territorio e degli eventi culturali e sportivi. Per questo genere di argomenti, che è sacrosanto trattare, dovrebbero essere individuati ampi spazi nel palinsesto, evitando sovrapposizione funzionali alla palese volontà dei giornalisti del Tgr Liguria di non dare notizia di quello che avviene nelle segrete stanze della politica e del malaffare. 

In una scena di Fortapàsc, il film di Marco Risi su Giancarlo Siani, il giornalista ucciso dalla camorra, Giancarlo parla con Sasà, il suo caporedattore, che gli spiega: «Esistono due categorie di giornalisti: i giornalisti giornalisti e i giornalisti impiegati. I primi sono quelli che portano le notizie, gli scoop e sono una rottura di cazzo e fanno male assai. Dai retta a me: questo non è un paese per giornalisti giornalisti, ma per giornalisti impiegati». 

Claudio Di Tursi

Annunci

Un pensiero su &Idquo;A Sant’Olcese il Tgr non ha fatto un bel servizio 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...