img_5239-1

La riqualificazione del territorio parte dalle sue radici. Anzi, dalle sue “Reixe”

Di Flavio Poggi*

Domenica scorsa, 19 Giugno, è stato inaugurato il nuovo agriturismo di San Bernardo di Torrazza “E Reixe”. Alla presenza di una agguerrita e folta rappresentanza di affamatissimi ospiti si è tenuto il battesimo di questa nuova attesissima realtà che porta finalmente un briciolo di speranza per la riqualificazione urbanistica e ancor più sociale di queste frazioni santolcesine che più di altre hanno sofferto in questi ultimi anni a causa della chiusura definitiva di numerose attività commerciali e per una serie di ottuse, devastanti e fallimentari speculazioni edilizie. Stefano Pedemonte, proprietario e chef dell’agriturismo, con tutta la sua famiglia, ha lavorato sodo per un anno per arrivare a questa inaugurazione ed ha letteralmente trasformato sia l’edificio, che prima era una semplice abitazione, sia, soprattutto, i terreni circostanti. Terreni incolti da anni che oggi tornano ad essere occupati da orti e alberi da frutto, come ai vecchi tempi. 

Stefano poi è una vera garanzia: chi ha avuto la fortuna di andare a mangiare al “Caminetto” a Nenno di Valbrevenna in questi ultimi anni sa cosa voglio dire. Chi non è stato così fortunato, ha tutto il tempo di recuperare senza dover andare fin lassù. Col valore aggiunto che qui a San Bernardo i suoi manicaretti saranno preparati con i prodotti della sua terra.

E Reixe: le Radici. Le radici di Stefano, alle quali è tornato dopo “l’esilio” della Valbrevenna. Perchè queste case, questi terreni, sono quelle dei suoi avi. 

Beh, al buffet non sono riuscito ad assaggiare granchè, quindi una visita per controllare che l’abilità di Stefano dietro i fornelli sia rimasta la stessa la dovrò fare al più presto!

*Flavio Poggi, geologo, è Consigliere Comunale per il Comitato Indipendente per Sant’Olcese 


Un pensiero su &Idquo;La riqualificazione del territorio parte dalle sue radici. Anzi, dalle sue “Reixe”

  1. Una doverosa precisazione : il Caminetto di Nenno in Valbrevenna non è chiuso ma continua ad essere operativo ed a mantenere la consueta qualità e servizio. I gestori mi perdoneranno la bonaria partigianeria che non esclude affatto che continuerò molto volentieri ad andarli a trovare di tanto in tanto visto anche che mia figlia adora questo locale ed i suoi menù un po’ al di fuori dei consueti standard del nostro entroterra.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...