On Line il bando per i finanziamenti POR-FESR 2014-2020

Di Flavio Poggi*

Fino al 31 dicembre i 235 Comuni liguri potranno inviare alla Regione l’istanza per candidare i propri progetti per interventi di messa in sicurezza dei territori esposti a rischio idrogeologico al cofinanziamento a valere sull’Asse 5 del POR-FESR 2014-2020. Il POR-FESR è il Piano Operativo Regionale per la programmazione dei Fondi Europei di Sviluppo Regionale. Questi fondi sono destinati a svariate attività strategiche, articolate su diversi assi di finanziamento: dalla ricerca e innovazione, all’agenda digitale fino alla difesa del territorio. Proprio su quest’ultimo Asse, per la finestra temporale 2014-2020, sono allocati ben 25 milioni di euro, in particolare destinati a cofinanziare interventi di mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico relativi a centri abitati o aree produttive.La Giunta regionale ha approvato la delibera di avvio delle procedure: fino al 31 dicembre 2016 tutti i 235 Comuni liguri potranno inviare alla Regione l’istanza per candidare i propri progetti al cofinanziamento, purché siano in fase di progettazione almeno preliminare, abbiano un importo di almeno 500mila euro e prevedano un cofinanziamento da parte del Comune per almeno il 30% del costo complessivo dell’intervento.

Il 15 luglio prossimo Regione Liguria procederà ad una prima analisi di tutte le domande pervenute selezionando quei progetti che prevedano un cronoprogramma compatibile con l’ultimazione delle opere entro la fine del 2018. Il secondo stralcio del programma sarà predisposto tenendo conto di tutte le richieste pervenute entro il 31 dicembre 2016.

Certo, per un Comune come il nostro poter disporre di almeno 150mila euro da mettere sul piatto per cofinanziare un intervento può non essere banale. Tuttavia, date le gravi criticità che affliggono e minacciano svariate aree del nostro territorio e che ci costringono a guardare con apprensione ogni nube temporalesca, speriamo vivamente che l’occasione offerta da questo bando di finanziamento il nostro Comune provi almeno a coglierla. Qualche progetto nel cassetto dovrebbe esserci relativamente alle criticità di Piccarello e dei rivi che in questa località confluiscono e dell’area di Bevegni e della Vivagna. D’altra parte, fondi così cospicui su questi interventi si sono visti e si vedranno molto di rado. Crediamo che sarebbe auspicabile rinunciare, piuttosto, a qualche altro investimento pur di poter disporre della copertura economica necessaria a garantire il cofinanziamento di qualche opera che possa mettere in sicurezza porzioni importanti di territorio.

Link al sito del Bando: clicca qui!  

*Flavio Poggi, geologo, è consigliere comunale per il Comitato Indipendente per Sant’Olcese

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...