Io non crollo


Di Flavio Poggi *

Domes… Domenico Aringoli, un mio buon vecchio amico e collega geologo, con cui ho condiviso tante giornate di una fase difficile della nostra vita, subito dopo la laurea. Lui è di Camerino allo stesso modo in cui io sono di Sant’Olcese. Lo è profondamente, dalle radici. Con la sua famiglia ha vissuto e sta vivendo sulla pelle il dramma dei terremoti che hanno messo in ginocchio la sua terra. Ma Domes porta sempre con sé la forza del suo sorriso. E con esso, a fianco della sua famiglia, sta già guardando al futuro. Un futuro nella sua terra. Assieme ad altri ha creato l’Associazione di Volontari “IoNonCrollo” (www.iononcrollo.org) e con essa sta anche aiutando il suo paese a risorgere. Ieri ha scritto queste parole sulla sua pagina Facebook, che ho trovato bellissime. Così, col suo consenso, abbiamo deciso di condividerle con tutti voi. Grazie Domes! 

Si riparte: ricucendo ciò che è stato strappato, riempendo ciò che è stato svuotato, andando ad affiancare ad un legittimo silenzio le parole dolci di un altro futuro. Si riparte da chi non è crollato, da chi sta provando a sublimare la paura in energia creativa, da chi non lascerà che la ricostruzione avvenga solamente con travi marce rese lucide dagli interessi altrui. 

Perchè sono le faglie, gli interstizi tra una placca e l’altra, a causare i terremoti. Non è il sisma a creare il vuoto, ma attraverso il vuoto esso si propaga e distrugge, disgiunge, divide. Vuoto politico, progettuale, storico, sociale. Vuoto che, a seguito di un naturale sussulto della terra, permette a scialbi politicanti ed imprenditori di incolpare la Natura per scagionare le proprie incompetenze. 

Si riparte con l’intento di affascinare, di riavvicinare le menti ancora scosse a quei luoghi che non hanno altra colpa se non quella di esser stati lesi, ignorati, maltrattati dalla miopia di alcuni uomini. Si riparte, con l’obiettivo di favorire una nuova alleanza tra la Montagna ed i suoi futuri abitanti, un nuovo patto di reciproca stima e conoscenza.

 

Oltre ad aiutare direttamente l’Associazione con le modalità indicate nel sito sopra indicato, chi volesse può anche aiutare le aziende produttrici dei tanti, buonissimi, prodotti tipici locali che hanno subito seri danni a causa del terremoto. Di seguito riportiamo due link affidabili ai quali rivolgersi senza rischiare truffe o raggiri:

http://www.sibilliniweb.it/sosteniamo-i-prodotti-e-i-produttori-dei-monti-sibillini/

http://www.marcacamerino.net/

*Flavio Poggi, geologo, è Consigliere Comunale per il Comitato Indipendente per Sant’Olcese

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...