CIAO MAESTRA ROSA

foto_quinta_elementare

Di Flavio Poggi

CIAO MAESTRA ROSA
Oggi ho saputo che è mancata la mia Maestra Rosa Medicina. Quelli del mio anno, io sono del 1968, sono stati fra gli ultimi a frequentare le scuole elementari a Torrazza, nell’edificio divenuto poi sede del Centro di Educazione Ambientale. Le maestre che io ricordo erano due, Enrichetta Paccani e Rosa Medicina, entrambe di Torrazza. Era un’altra scuola quella dei nostri tempi: la maestra era unica e portava la sua classe dalla prima alla quinta elementare. Si stava con lei dalle 8 a mezzogiorno e ti insegnava a leggere, scrivere e far di conto e a scoprire che in Italia ci sono pure il Molise e la Basilicata… per cinque imprescindibili anni della nostra vita io e i miei coetanei dei dintorni abbiamo avuto la Maestra Rosa come seconda mamma. Una persona dolcissima e gentile, con una vocina sottile che i miei ricordi remoti e sicuramente un poco romanzati dalla nostalgia non accostano a nessuna sfuriata o rimprovero.
Mi ha dato molto la Maestra Rosa, sia in termini di educazione, sia di insegnamento e di incoraggiamento ad andare avanti negli studi, credendo nelle mie capacità e propensioni.
L’ho incontrata poche volte una volte finite le elementari. Ma ricordo quando la rividi poco dopo essermi laureato: l’orgoglio sincero col quale si congratulò con me per il risultato raggiunto. Mi disse che sapeva che ce l’avrei fatta e io le risposi che era anche grazie a lei ed al suo lavoro.
Rivedo ancora oggi di tanto in tanto molti dei miei vecchi compagni delle elementari e vedo che sono tutti diventati delle belle persone. Merito sicuramente delle nostre famiglie e dell’ambiente sano nel quale abbiamo avuto la fortuna di crescere. Ma credo che ognuno di noi, vecchi compagni di classe delle elementari di Torrazza oltre quarant’anni or sono, quando ha saputo o saprà che la Maestra Rosa se n’è andata, verserà una lacrima di dispiacere e riconoscenza. Ciao Maestra.

Annunci

Novità: il judo a Torrazza!

Arriva un’altra iniziativa nel nostro comune e precisamente nella frazione di Torrazza.  Si apre una “succursale ” della sezione judo del Gsc SantOlcese nei locali del CEA, l’ex scuola di fronte alla chiesa e al campo da calcetto. Quello che vedete è il volantino che è stato distribuito. Per ora i corsi saranno tenuti il mercoledì e il venerdì dalle 17 alle 20 dai maestri Davide e Luca ma si prevede la partecipazione di tutti i maestri e allievi esperti. Speriamo che questa iniziativa possa coinvolgere i giovani e i meno giovani delle frazioni alte del nostro comune.

Tragedia a Torrazza: giovane si taglia la gamba con una motosega

  

Dal sito Genova24.it

Sant’Olcese. Grave incidente nel primo pomeriggio di oggi a Torrazza, frazione del Comune di Sant’Olcese, dove un ragazzo si è tagliato la gamba con una motosega. Il 28enne stava tagliando un bancale, ma la sega è rimbalzata su un chiodo ed è tornata indietro, colpendolo violentemente all’arto inferiore.
Sul posto sono intervenute l’ambulanza e l’automedica Golf 3 della PAM (Pubblica Assistenza Molassana), che hanno stabilizzato il ferito per poi trasportarlo in codice rosso all’ospedale Galliera.

Continua la lettura su Genova24.it, clicca qui.

Dal sito di Primocanale:

SANT’OLCESE – Stava tagliando un bancale di legno quando improvvisamente si è spaccato, facendosi cadere addosso la motosega che stava utilizzando ancora accesa. È successo ad un 28enne di Sant’Olcese mentre lavorava nel giardino della sua abitazione.

La lama dentata ha ferito in modo grave il giovane su una gamba, lesionando l’arteria femorale. Grazie all’intervento immediato dei militi della Pubblica Assistenza di Molassana il ragazzo è stato subito assistito e trasferito in codice rosso all’ospedale Galliera di Genova.

Leggi la notizia su Primocanale, clicca qui.

Fuoco a  Torrazza

 Erano circa le 20,15 quando a Torrazza in località Pozzi, via 25 aprile, si è visto fuoriuscire del fumo dalle finestre di un’abitazione. 

I Vigili del fuoco, prontamente intervenuti per sedare le fiamme che si erano svilupparle in cucina, hanno chiesto l’ausilio del 118 che ha inviato sul posto la croce d’oro di Manesseno.
 Sul posto per sincerarsi dell’accaduto sono arrivati anche il Sindaco Armando Sanna e l’Assessore Enrico Trucco.

La padrona di casa, comprensibilmente sotto shock, è comunque rimasta pressoché illesa e non è stato necessario il suo ricovero presso il pronto soccorso ma solo l’Intervento della guardia medica.

Paramenti antichi in mostra a Torrazza

  

Di Silvia Bevegni

Le feste patronali non sono solo, ovviamente, cerimonie religiose e processioni; nè tantomeno è obbligatorio presentare come “contorno” sagre mangerecce (che fanno sempre piacere comunque!). A volte tali eventi possono essere l’occasione adatta per riscoprire, e per molte persone per vedere per la prima volta, oggetti relativamente antichi e particolari, quali ad esempio numerosi paramenti liturgici che la piccola Parrocchia di N.S. del Rosario di Torrazza ha la fortuna di possedere. Poichè purtroppo l’abitudine o la fretta inducono ad utilizzare sempre e solo i “pezzi” più a portata di mano, magari più pratici ma più moderni e di poco pregio, si è pensato di tirare fuori dall’armadio alcuni tra i paramenti che sino agli anni ’60 venivano utilizzati quotidianamente, così da poterli conoscere ed apprezzare. 

Le vesti, diverse fra loro per utilizzo, epoca e tipologia, verranno esposte all’interno della Chiesa di Torrazza a partire dalla mattina di Domenica 20 settembre (Sante Messe alle ore 9:30 e 11:00), nel giorno della festa.

Vi aspettiamo! La sera di Domenica, così come il sabato della vigilia, l’ACLI organizzerà la famosa polentata (e non solo) che come da copione chiude il periodo delle sagre estive.  

*Silvia Bevegni, avvocato, fa parte del Coordinamento del Comitato Indipendente per Sant’Olcese

I topi invadono i bidoni della spazzatura, il comune adotta nuove tecniche di derattizzazione.

 
Sono molti, e spesso molto più grandi dell’esemplare immortalato dal nostro lettore,  i roditori che da qualche tempo prendono d’assalto i contenitori della spazzatura del nostro comune.  I topi entrano dal fondo forato dei cassonetti o direttamente dal coperchio lasciato aperto dal personale AMIU. 

Vista l’emergenza è stato conferito l’incarico ad una nuova ditta di derattizzazione che effettuerà per almeno un anno una serie di interventi a cadenza fissa e non a chiamata come avveniva in passato.

I primi interventi da giovedì, nelle zone di:

  • Via Don Luigi Sturzo
  • Via Poirè
  • Villa Belforte