Diario d’Istituto, pre scuola e contributo pseudo volontario: ecco come stanno le cose

icSerraRiccoSantolcese

La Scuola Media Ungaretti, sede dell’Istituto Comprensivo di Serra Riccò e Sant’Olcese

Le cose che stiamo per dirvi sono importanti e riguardano tre argomenti di sicuro interesse per chi ha figli che frequentano il nostro istituto comprensivo, vi preghiamo quindi di aiutarci col passa parola.

1) il diario d’Istituto
Poche discussioni in Consiglio d’Istituto sono state “sofferte” come quella dell’adozione del diario d’Istituto. Da una parte la libertà di scelta del diario che più aggrada ai pargoli, dall’altra la possibilità di far risparmiare qualcosa alle famiglie sulle quali già gravano i costi astronomici di libri, quaderni, zaini e materiali da cancelleria. Chiaramente quest’ultima ragione ha prevalso e così, con solo quattro euro e cinquanta centesimi, si si è ottenuta la fornitura di un diario personalizzato per l’istituto che comprende, al suo interno e nel prezzo, il libretto delle giustificazioni ed il regolamento d’Istituto.
Il diario d’Istituto sarà l’unico strumento di comunicazione tra scuola, alunni e famiglie; i classici libretti delle giustificazioni non verranno più forniti.
Questa decisione legittima del Consiglio d’Istituto, presa nell’interesse delle famiglie, ha suscitato qualche perplessità e scatenato qualche protesta veemente. Qualcuno è arrivato a sostenere che questa non sarebbe una scelta democratica. A costoro ricordiamo che il Consiglio d’Istituto è un organo di democrazia rappresentativa, eletto nelle sue tre componenti – insegnanti, ATA, e genitori – ogni tre anni, che su questa e altre ben più importanti questioni ha potere deliberante.
Per i particolari inerenti il metodo di pagamento e le modalità di distribuzione vi rimandiamo alle chiarissime circolari del Dirigente Scolastico
Circolare 1)
Circolare 2)

2) prescuola
Il costo del prescuola passa da quaranta a duecento euro. Negli anni scorsi il costo era per l maggior parte a carico della scuola che attingeva la cifra necessaria dal fondo d’istituto, ora è totalmente a carico delle famiglie. È successo che il fondo d’istituto, per effetto della spending review, è stato di ridotto in due anni del 66% anche per consentire, almeno in parte, il pagamento degli scatti stipendiali agli insegnanti che altrimenti avrebbero avuto lo stipendio congelato come il resto dei dipendenti statali. Il servizio, prima svolto da insegnanti e ATA, ora verrà erogato da una società esterna.
Le amministrazioni comunali, è bene dirlo, in questa vicenda non giocano nessun ruolo.

3) Contributo volontario.
Il contributo volontario rappresenta, prima di tutto, un buon esempio di errore nella comunicazione.
Alle famiglie delle elementari e medie, infatti, viene “consigliato” un versamento di 23 euro così strutturato
– 7 euro per l’assicurazione dell’alunno OBBLIGATORIO;
– 4,50 euro per il diario d’Istituto OBBLIGATORIO;
– 11,50 Euro quale contributo richiesto alle famiglie VOLONTARIO.

Questo significa che il contributo obbligatorio in realtà è di 7 euro (assicurazione) + 4,50 euro (Diario) = 11,50 euro e cioè metà della cifra richiesta.

Per la scuola dell’infanzia, dove per ovvi motivi non è previsto il diario d’Istituto, il contributo richiesto alle famiglie è di 20 euro: 7 euro sono per la copertura assicurativa obbligatoria e 13 corrispondono al contributo volontario.

La rimanenza, la parte facoltativa, viene utilizzata per il funzionamento dell’istituto: cancelleria, toner, riparazioni, materiale informatico, ecc… Le spese vengono rendicontate ogni anno con l’affissione di un documento presso la bacheca di ogni plesso scolastico. Non versare questa parte facoltativa significa compromettere il funzionamento dell’Istituto. Il contributo volontario è una prassi consolidata a qualunque latitudine per le scuole di ogni ordine e grado.
Claudio Di Tursi, componente del Consiglio d’Istituto in rappresentanza dei genitori.

Il Trenino porta ritardo

IMG_7285.PNG
Come ormai tristemente noto, il Trenino di Casella non è fermo da tempo a causa della necessità non più procrastinabile di effettuare la ricostruzione del ponte di Fontanassa. L’esito della gara per i lavori si sarebbe dovuto conoscere già dal 24 luglio, ma una norma sugli appalti, che impone verifiche supplementari in caso di offerta al ribasso eccessiva, non consente, per il momento, di affidare i lavori alla società aggiudicataria: una ditta di Aosta specializzata nel rinforzo di ponti metallici. La fine dei lavori, inizialmente prevista per dicembre 2014, slitterà giocoforza di qualche mese.
È tutto spiegato molto bene nell’articolo del Mercantile a firma Paolo Bertuccio, cliccate sull’immagine per ingrandirla.

GAIA: il ringraziamento di Simona e Flavio

IMG_7271.JPG

Buonasera a tutti, siamo Flavio e Simona, tanto per capirci quelli avevano perso la povera Gaia … dico avevano perché oggi siamo riusciti con l’aiuto di tutti voi a ritrovarla e a riportarla a casa. Brevemente la storia di Gaia, un anno e mezzo circa , viveva sulle montagne della Lunigiana , e dopo la morte del suo vecchio padrone , che sembra essere stato solo “padrone” , gironzola qua e la’ fino a che una spendida persona che e’ Pierluigi la accudisce e la sfama ma non la puo’ tenere. ed ecco che entriamo in scena noi. La prendiamo la portiamo a casa, ma lei impaurita riesce a scappare …
In somma il resto della storia la conoscete. Spero con queste righe di riuscire a trasmettervi le nostre emozioni. Vi posso solo dire che non ho mai trovato e sottolineo mai, cosi tante persone tutte insieme solidali e disponibili . Abbiamo ricevuto decine di segnalazioni , abbiamo lasciato i nostri contatti a , direi , centinaia di persone che a loro volta hanno fatto passa parola… insomma veramente incredibile. Ora al di là dello smarrimento di Gaia, questo dimostra che se ti serve aiuto c’è qualcuno a Sant’Olcese che e’ pronto a dartelo. Noi ci complimentiamo perche’ siete veramente delle belle persone . Grazie a Claudio che ci ha chiamato un sacco di volte per aggiornare il blog, grazie a Pierluigi che ha ” agguantato” Gaia, e insomma grazie a tutti.
Flavio e Simona.

ATTENZIONE: RITROVATA GAIA!!

IMG_7255-1.JPG
Gaia, la cagnetta beige smarrita l’altro ieri a Torrazza è stata da poco ritrovata.
Ce lo ha comunicato Flavio che non ha parole per ringraziare i santolcesini per la vicinanza e la disponibilità dimostrata in quest’occasione.
Parole che con Simona troverà stasera, quando insieme manderanno un messaggio di ringraziamento attraverso il blog.
Da parte nostra ci sia consentito ringraziare il solito Angelo Spanò, che tempestivamente aveva dato notizia della scomparsa dalla nostra pagina Facebook.

Tentativi di furti in zona: manteniamo alta l’attenzione!

Originally posted on Sant'Olcese Inform@:

i-ladriGiungono nuove segnalazioni riguardanti tentativi di effrazione nella zona di Sant’Olcese la notte scorsa. 

Invitiamo pertanto tutta la cittadinanza a prestare la massima attenzione, segnalando eventuali situazioni sospette al comando dei carabinieri di Castagna. 

View original

Gaia: per aiutarla abbiamo bisogno di un esperto!

IMG_7255-0.JPG
Gaia, la splendida cagnetta che si è smarrita da ventiquattr’ore, continua ad essere avvistata nei dintorni di Torrazza, ma a d’ogni tentativo di avvicinarla da parte dei suoi nuovi padroni scappa. Serve qualcuno capace ad avvicinare questi animali, un esperto insomma. Ed è proprio questo l’appello che vogliamo lanciare ai nostri concittadini: se conoscete qualcuno in grado di aiutare Simona e Flavio a fornire a Gaia le cure amorevoli di cui ha bisogno dopo la perdita del suo anziano padrone, pregatelo di mettersi in contatto con loro chiamando i seguenti numeri:

Simona 347 8783141;
Flavio 347 8803724.

Diffondete questo post con ogni mezzo, facciamo del nostro meglio per salvare Gaia!