Ti vengono 1500 euro

20111229-220218.jpg

Tu, tua moglie, ognuno dei tuoi figli, i tuoi genitori, i tuoi amici: ognuno di noi è in credito di 1500 euro. Ce li devono Snai, Lottomatica, SISAL, Gamenet, Gmatica, Hgb Group, Cirsa, Codere, Atlantis World Casino e Cogetec. Sono le società che gestiscono il gioco d’azzardo con le slot machine. Per un certo periodo di tempo, contrariamente a quanto previsto dalla legge, migliaia di queste macchine non sono state collegate alla rete che registra le giocate, lo ha scoperto nel 2006 il Gat della Guardia di Finanza. La Corte dei Conti, calcolando 50 euro di multa per ogni ora di mancato collegamento, ne ha ricavato la cifra capogiro di 89 miliardi e mezzo di euro: quattro volte la manovra lacrime e sangue del governo Monti.
Non metteteci il cuore sopra, difficilmente riusciremo a rientrare in possesso dei nostri soldi. Le concessionarie hanno presentato una marea di ricorsi ed il fatto che i nostri politici non usino il pugno di ferro contro di loro non fa pensare a nulla di buono. Anzi, si è arrivati addirittura a stabilire penali ridotte ad un centesimo: da 50 a 0,5 euro all’ora per ogni apparecchio non collegato, e puntualmente c’è qualcuno che sostiene che le nuove penali dovrebbero valere anche per il passato. Il conto così diventerebbe 895 milioni. Ma le concessionarie, c’è da scommetterci, non pagheranno neanche quelli.
Fra un mese è attesa la sentenza della Corte dei Conti: mobilitatevi, fate conoscere a più persone possibili questa situazione e boicottiamo il gioco d’azzardo legalizzato in tutte le sue forme.

Claudio Di Tursi

Venerdì 30 dicembre concerto benefico presso la Chiesa nuova di Manesseno.

Non mancate, Venerdì 30 dicembre, al concerto benefico che si terrà alle 21 presso la Chiesa nuova di Manesseno.

Il coro di S.Martino ed il coro dei bambini della quarta elementare si esibiranno insieme cantando canti natalizi, alcuni dei quali in genovese.

Il ricavato sarà devoluto all’Associazione Progetto Silvia che si occupa di cure e sostegno ai ragazzi cerebrolesi ed assistenza alle loro famiglie.

Sarà, inoltre, un’occasione per ricordare il nostro concittadino Ettore Durante, punto di riferimento per tantissimi aspiranti calciatori, che con dedizione e generosità si è occupato per molto tempo dell’Associazione.

Piccoli calciatori crescono. Speriamo bene.

20111224-152932.jpg

di Danilo Pestarino *

Il calcio, si sa, è lo sport preferito degli italiani ed anche il mio. Dopo aver maltrattato la sfera per tanto (forse troppo) tempo ed aver interpretato tutti i ruoli possibili, l’ultimo rimasto era quello di allenatore.
Dopo qualche anno dedicato ai “grandi”, ho deciso di conciliare la passione per il calcio con quella di padre andando a S.Olcese ad allenare i bimbi.
I bambini (lo sperimento ogni giorno sui miei figli) sono spugne che assorbono tutto quanto possibile da ciò che li circonda. Penso sia quindi necessario che vivano e crescano in ambienti sani e il calcio va visto come un momento di svago ma anche di crescita soprattuto facendo uno sport di gruppo nel quale si condividono gioie e dolori ma anche fasi di crescita e personalità diverse da bambino a bambino. Il tutto deve avvenire privilegiando l’aspetto ludico e l’aspetto formativo rispetto al risultato.
Per questo penso che la figura del “mister” sia molto importante per indirizzare allenamenti e competizioni su questa strada.
La bellezza dei bambini sta anche nella semplicità e nelle domande ingenue che ti pongono.
Stamattina mio figlio (8 anni) e una passione per il calcio difficilmente arginabile,vedendo un telegiornale nel quale si parlava di calcioscommesse, mi ha chiesto come mai avessero arrestato dei calciatori. Ho provato lungamente a spiegargi l’argomento ma lui continuava a guardarmi esterefatto non riuscendo a capire cosa c’entra il calcio con le scommesse ed il carcere.
Come allenatore e come padre oggi ho vinto.

*Danilo Pestarino è Capogruppo del gruppo consigliare Comitato Indipendente per Sant’Olcese

In distibuzione il nostro opuscolo di Natale: “Proteste & proposte”

Non perdetevi il tradizionale appuntamento con le riflessioni di fine anno del Comitato Indipendente per Sant’Ocese.

Quest’anno la parte del leone la fanno due argomenti strettamente connessi tra loro, l’alluvione e la la cemetificazione del territorio, ma si parlerà anche di altro: il ponte di Manesseno, sempre più un miraggio, il Centro Ragazzi clamorosamente scomparso, il Palazzetto dello Sport, della cui gestione molti si lamentano, ed altro ancora.

Problemi e soluzioni che vengono portati alla vostra attenzione con l’onestà intellettuale di chi non ha altro interesse che il bene e la salvaguardia del paese.

Potete scaricare una copia del volantino cliccando qui e magari diffonderla fra parenti ed amici.

Un camion ribaltato e qualche riflessione

Tornando a casa ieri sera, intorno alle 23,30, un altro brutto spettacolo. Un TIR si è ribaltato mentre percorreva la rotonda che lo avrebbe portato al mercato ortofrutticolo. Lampeggianti, vigili, deviazione, gasolio in terra. Fortunatamente il camionista si è fatto poco e niente.

È il terzo camion in tre giorni che crea problemi alla circolazione. L’altro Ieri, nel tardo pomeriggio, sulla strada di Borzoli un TIR si è scontrato con un motociclista, casino indescrivibile, e il giorno prima un altro mezzo pesante si è ribaltato a Campi più o meno alla stessa ora. Non voglio parlare del camion che è stato già stato oggetto di attenzione da parte della Maria Grazia, leggete qualche post addietro.

Troppi camion trasportano troppa merce che viene da troppo lontano.

Bisognerebbe limitare i nostri consumi all’essenziale, ma mi rendo conto che non è possibile, e allora bisogna preferire la merce a chilometro zero: costa di meno, favorisce l’occupazione interna, spesso è di qualità superiore e, soprattutto, ha un impatto ambientale minore per quanto riguarda il suo trasporto.

Beppe Grillo, già nel lontano ’93 nei suo spettacoli diceva..” perché qui a Roma magari beviamo la San Pellegrino che è di Milano, e a Milano bevono la Ferrarelle che è di Roma, eh? E allora noi abbiamo sull’autostrada un cinquecento camion che vanno avanti e indietro, che se ognuno si bevesse la sua cazzo di acqua toglieremmo cinquecento camion avanti e indietro, e questa qui costerebbe la metà.”

Oggi, per ognuna delle azioni che compiamo, dobbiamo confrontarci con l’impatto che questa ha sull’ambiente, il guaio e che non siamo preparati a farlo e non c’è sufficiente informazione. Già perché l’informazione, specialmente quando si tratta di beni di consumo, è sempre a beneficio di chi compra e mai di chi vende. Ma questa è un’altra storia.

Claudio Di Tursi

Ce le hanno cantate e suonate!

Eppure noi eravamo andati lì per una cena beneficenza, e mai ce lo saremmo aspettati.

La sera di sabato 17, appena entrati alla Società Operaia Cattolica, abbiamo capito che c’era qualcosa di strano nell’aria ed abbiamo temuto il peggio. All’entrata della sala c’erano, allineati in bell’ordine e già collegati alla corrente elettrica, gli strumenti di tortura.

Di lì a poco qualcuno li avrebbe usati su di noi, bisognava solo capire chi.

L’aroma inebriante dei ravioli, che si spandeva per tutta la sala, ci stava quasi facendo dimenticare cosa ci aspettava quando il peggiore dei nostri presentimenti si è avverato. Con mano sicura il Sindaco in persona ha preso il primo ordigno, una Fender bianco perla, ed ha iniziato a maneggiarla con la perizia del carnefice esperto. Qualche istante dopo abbiamo capito che non avevamo scampo.

Una nostra vecchia conoscenza, l’Assessore Pittaluga, brandendo il microfono ha pronunciato le parole che avrebbero dato inizio al massacro: “Se … Se… Prova…”. Cinque minuti di questa solfa e si è scatenato l’inferno: tutte le più belle canzoni dei Nomadi, dei Profeti, dei New Trols , insomma la musica Beat di quei anni, riarrangiata e suonata con sorprendente perizia dai ” Tempo Perso”, così si chiama la band di cui Cassissa e Pittaluga sono i leader. Per noi del Comitato, abituati a vedere i nostri amministratori in tutt’altro contesto è stata una sorpresa piacevole e, nostro malgrado, di fronte a tanta bravura, siamo stati costretti ad applaudire.

Il giorno dopo, parlando dell’accaduto con un sostenitore della maggioranza incontrato in un esercizio commerciale della zona e vantando le capacità della band, ne ho ricevuto un commento che riporto per dovere di cronaca: “…almeno se fra due anni li mandate a casa un mestiere ce l’hanno!”

Così vanno le cose a Sant’Olcese.

Claudio Di Tursi

Mercatino di Natale

20111217-135345.jpgSabato 17 dicembre, dalle ore 9 alle 18, nella piazzetta dei palazzi nuovi di Via D.L.Sturzo, si terrà un MERCATINO di NATALE dove esporranno i loro manufatti le Associazioni di volontariato e gli Hobbisty del territorio. Può essere l’occasione per comprare uno degli ultimi regali.

Inviato da WordPress per Windows Phone